DeutschEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoEnglishEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoEspañolEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoFrançaisEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoItalianoEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoMagyarEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoNederlandsEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il Mondo
Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh
Eautarcie EAUTARCIE Eautarcie- Joseph Országh
HomepageIntroduzioneIgienizzazione ecologicaLa raccolta dell'acqua piovanaGestione delle acque grigieGabinetti a seccoIl EAUTARCIE in città e in tutto il mondoGestione congiunta di acqua e biomassaRiflessioni sulla politica delle acqueMappa del sito – Glossario – Documentazione EAUTARCIE, Gestione sostenibile delle acque nel Mondo
Igienizzazione ecologica
Igienizzazione ecologica e EAUTARCIE

Punti deboli dell’ingegneria sanitaria

Sei principi di igienizzazione ecologica

Elementi di igienizzazione ecologica


Cerca una parola all'interno del sito eautarcie.org 
Loading

Il concetto EAUTARCIE è una delle possibili forme di igiene ambientale, con una caratteristica distintiva: invece di fare un inventario dei problemi, piuttosto va alla fonte di questi problemi e propone soluzioni efficienti, semplici e poco costose. La sua altra caratteristica principale è il suo approccio olistico, che tiene conto dei diversi aspetti dell’impatto ambientale.

In breve, EAUTARCIE ripristina le attività domestiche legate all'acqua all'interno dei grandi cicli della natura: acqua, carbonio, azoto e fosforo.

TPer avere una panoramica completa del principio di risanamento ecologico del EAUTARCIE, vedere il nostro video su Youtube cliccando qui (in inglese).

Per visualizzare lo schema generale di un sistema PLUVALOR, clicca qui.

Per visualizzare lo schema generale di un sistema TRAISELECT, clicca qui.

Il testo contenuto in questa pagina è stato pubblicato per la prima volta in francese su www.eautarcie.com : aprile 2008

Il testo originale è stato poi adattato e pubblicato in inglese in questa pagina su www.eautarcie.org: 2017-03-10

Aggiornamento: 2017-03-10

Igienizzazione ecologica e EAUTARCIE

Igienizzazione Ecologica = « ECOSAN » ?

Igienizzazione ecologica è una espressione popolare di questi tempi. Essa ha anche prodotto un neologismo: ECOSAN, un termine generico coniato per la prima volta nel 2000. Una nozione generale in cui sono espressi numerosi e giustificati timori, ma con carenze che ne tradiscono le incoerenti linee guida. Noi qui proponiamo la versione EAUTARCIE di ECOSAN -detta « SAINECO » in francese - che applica dei principi che sono chiaramente definiti.

Nella maggior parte dei casi, la versione generica di ECOSAN affronta questioni la cui rilevanza è a volte discutibile se si considera il punto di vista generale. Esse sono:

Conservazione dell’acqua

Quasi tutte le raccomandazioni formulate dai funzionari e ambientalisti affrontare la questione del risparmio idrico. Il pubblico si fa sentire in colpa di consumare troppa acqua quando in realtà, conti consumo di acqua domestici per solo il 10% del consumo totale di acqua. La conservazione dell'acqua ha senso solo quando si dipende interamente dalla rete di distribuzione idrica pubblica. Dopo aver deciso di raccogliere l'acqua piovana per tutta la casa riutilizzo, la situazione diventa del tutto diversa. Con l'applicazione del 6° principio della versione EAUTARCIE di ECOSAN sarà più probabile risolvere la maggior parte dei problemi di carenza di acqua, almeno dal punto di vista di una famiglia.

Riduzione dell'inquinamento mediante l'uso di prodotti ecocompatibili

L'utilizzo di prodotti rispettosi dell'ambiente (vale a dire quelli che potrebbero finire nelle acque reflue) ha senso solo quando le acque reflue vengono scaricate nelle fogne o in un sistema di igienizzazione convenzionale. Non appena si applicano i due primi principi della versione EAUTARCIE di ECOSAN, gli impatti ambientali devono essere rivalutati. Tutti gli studi in corso sulla nocività ambientale dei prodotti per la casa si basano sull’igienizzazione convenzionale, per cui le acque reflue combinate (acque nere e acque grigie) vengono inviate nella rete fognaria per il trattamento finale. La maggior parte del tempo, queste acque reflue in ultima analisi, finiscono nelle acque superficiali naturali in cui i residui di prodotti di pulizia della casa creano problemi per la vita acquatica, nonché per la qualità dell’acqua quando fornita da dette acque superficiali.

Sotto il 5° principio della ECOSAN di EAUTARCIE, le acque reflue trattate non devono essere scaricate in un fiume se non in situazioni del tutto eccezionali. Non appena i diversi tipi di acque reflue sono selettivamente (separatamente) trattati, l'impatto ambientale dei prodotti per la casa è del tutto diverso e deve essere rivalutato.

Ad esempio, l'applicazione di una tecnica di trattamento delle acque grigie adeguata annulla le differenze tra i prodotti « ecologici » e gli altri. In questo contesto, è preferibile visualizzare l'uso di prodotti « ecologici » che contribuiscono a ridurre la pressione sull'ambiente grazie ad un processo di produzione più envrionmentally-friendly. Da allora, il motivo principale per l'utilizzo di prodotti « ecologici » non sarebbe più quello di ridurre l'inquinamento dalla famiglia.

Eppure, senza tassare adeguatamente i prodotti in proporzione alla loro nocività ambientale, la tutela dell'ambiente dipende interamente dalla motivazione di un individuo. Si avrà la possibilità di scegliere tra i prodotti più economici e ancor più inquinanti o più costosi, i prodotti « green ». L'attuale legislazione in tutto il mondo, purtroppo, non incoraggia in modo efficace la responsabilità dei consumatori.

Riutilizzo delle acque piovane per l'irrigazione, la pulizia e gli sciacquoni dei water

Considerando le analisi dei fatti e l'esperienza di centinaia di migliaia di famiglie, il riutilizzo parziale di acqua piovana (per water, rubinetti esterni, etc.) è un po' uno spreco e ha un impatto limitato rispetto al riutilizzo in tutta la casa. Si consideri il sistema PLUVALOR, che si basa sui principi 2° e 6° di ECOSAN di EAUTARCIE: l'uso dell'acqua piovana è la priorità prima per il consumo umano, quindi l'igiene personale. Il suo scopo principale non è di risparmiare acqua o ridurre la richiesta sul sistema dell'acqua di rete: l'uso di acqua non trattata chimicamente è inteso come una salvaguardia per la salute. Gli inquilini di ECOSAN generico si rifiutano di prendere in considerazione questo concetto invocando lo spettro della contaminazione batterica.

Riutilizzo delle acque grigie di bagno e doccia per gli sciacquoni

L'uso dell'acqua di doccia e vasca per tirare l’acqua nel water pone una serie di difficoltà tecniche che costano di più, con risultati discutibili. Alla luce di questi e dell'esistenza di alternative più interessanti, ci si chiede se lo sforzo sia utile.

Fitodepurazione di acque reflue

Il trattamento delle acque grigie e acque nere per mezzo di piante (anche comunemente chiamato fitodepurazione) obbedisce agli stessi (cattivi) principi di igienizzazione convenzionale: disinfettare per proteggere l'ambiente. Il 2° principio della ECOSAN di EAUTARCIE afferma che più l'acqua nera è trattata, più si inquina e maggiore è la distruzione ambientale. Appena le acque grigie vengono trattate separatamente dalle acque nere, l'uso di piante per purificare le acque reflue non può più essere giustificato, tranne in situazioni particolari. E’facile dimostrare che la fitodepurazione è un spreco ambientale dannoso.

Uso di gabinetti a secco

I vari servizi igienici a secco proposti sul mercato hanno impatti ambientali abbastanza diversi. Alcuni sono probabilmente ancora più inquinanti del WC standard. Ad esempio, i gabinetti a secco selettivi (cioè che separano le feci dalle urine) hanno un maggiore impatto ambientale negativo rispetto al Gabinetto per Compostaggio a Secco (GCS), che applica il 2° principio della versione EAUTARCIE di ECOSAN. Gli ambientalisti, purtroppo, non fanno alcuna distinzione tra i diversi tipi di servizi igienici a secco: per loro, la conservazione dell'acqua è il problema ambientale principale, mentre in realtà si tratta di un aspetto molto minore del problema. L'impatto ambientale dei servizi igienici a seco selettivi non può essere compreso se non si riconosce il 3° principio di EAUTARCIE, che riguarda le strutture molecolari all'interno del suolo, e le considera essenziali per sostenere la produzione agricola a lungo termine. Quando l'accento è posto sul concetto obsoleto di contenuto di nutrienti N-P-K, non si può capire l'importanza della vita del terreno e la sua relazione simbiotica con le radici delle piante. Ad esempio, quando si utilizza l'urina in giardino (raccolta da un gabinetto a secco selettivo), in realtà si sta « bruciando » l’humus del terreno, e inquinando le acque sotterranee, proprio come effluenti d'allevamento liquido che si distribuisce su terreni agricoli.

ECOSAN generico vs ECOSAN di EAUTARCIE (SAINECO)

L'Alleanza per l’igienizzazione sostenibile (Susana) costituisce una scuola di pensiero che è coerente con la versione generica di ECOSAN. Per capire le sue priorità, è utile analizzare il modo in cui Susana si pone riguardo all’igienizzazione sostenibile (also see our web page http://www.eautarcie.org/en/04a.html#a):

« L'obiettivo principale di un sistema di igienizzazione è quello di proteggere e promuovere la salute umana, fornendo un ambiente pulito e rompendo il ciclo della malattia. Per essere sostenibile, un sistema di servizi igienico-sanitari deve essere non solo economicamente sostenibile, socialmente accettabile, tecnicamente e istituzionalmente adeguato ma deve anche proteggere l'ambiente e le risorse naturali. »

Così l’« obiettivo principale » è quello di proteggere la salute umana e rompere « il ciclo della malattia ». D'altra parte, la versione EAUTARCIE di ECOSAN da la priorità al ritorno delle deiezioni umane e animali all'interno dei cicli che formano l’humus nel terreno. Una volta che queste condizioni sono soddisfatte, i fatti dimostrano che la tutela della salute umana segue automaticamente. Al contrario, quando la priorità spetta alla « protezione della salute umana », si rischia di bypassare gli aspetti che sono essenziali per la salvaguardia della biosfera. Almeno questo è ciò che i fatti dimostrano, considerando le tecniche consigliate da Susana. Il « ciclo della malattia » è una nozione discutibile. Lo stesso vale per altre affermazioni come « beviamo il 90% delle nostre malattie ». Nella maggior parte dei casi, la malattia è il risultato di un indebolimento generalizzato del sistema immunitario di una popolazione, non il risultato di fattori esterni. Anche qui, le priorità dovrebbero essere invertite: invece di combattere microorganismi presumibilmente patogeni, sarebbe meglio prendere misure per rafforzare il sistema immunitario di una popolazione. Da quel punto, le malattie non sarebbero più « cicliche ».

Idee come il « ciclo della malattia » sono principalmente emesse nel contesto dei paesi in via di sviluppo, dove le condizioni igieniche sono spesso deplorevoli. Noi non sembriamo renderci conto che queste condizioni non sono inevitabili, e che il miglioramento di tali condizioni non passa necessariamente attraverso le tecniche raccomandate dall’ECOSAN di Susana, vale a dire la realizzazione di reti di distribuzione dell’acqua, latrine, servizi igienici a secco selettivi, fognature, trattamento delle acque reflue con piante, ecc. Queste tecniche, soprattutto le reti di distribuzione centralizzata dell’acqua e le fognature, non hanno nemmeno soddisfatto la definizione di « redditività economica » di Susana. Obbediscono a una sola cosa: «  adeguatezza istituzionale  », per cui le tecniche proposte soddisfano i requisiti giuridici esistenti. Non ci siamo resi conto che la normativa sulla gestione delle acque in tutto il mondo non difende l'ambiente, ma protegge solo le convenzioni della mentalità dominante e gli interessi delle multinazionali dell’acqua. Proteggere l'ambiente diventa un pretesto per fare soldi.

Condizioni di scarsa igiene nei paesi in via di sviluppo possono essere attenuate da semplici tecniche a basso costo, senza la necessità di grandi capitali. Non appena si applicano i sei principi della versione EAUTARCIE di ECOSAN, l’igienizzazione realmente sostenibile diventa accessibile ai paesi più poveri, con mezzi relativamente insignificanti, rispetto a quelli raccomandati dagli esperti d'acqua internazionali. Confidando nelle idee di questi esperti c’è da temere che un’igienizzazione realmente sostenibile non avrà luogo a breve... Il primo passo decisivo perchè questo avvenga richiederebbe l’incorporazione del sesto principio di EAUTARCIE nella legislazione dell’acqua, che attualmente vieta le tecniche di prevenzione che potrebbero andare alla radice del problema. Almeno la normativa potrebbe essere semplificata applicando i primi cinque principi di ECOSAN di EAUTARCIE (o SAINECO).

E’significativo notare che nella definizione di Susana per l’igienizzazione sostenibile, « la tutela dell'ambiente e delle risorse naturali » sia posta per ultima. Al contrario, questa è la priorità principale per ECOSAN di EAUTARCIE. La protezione della salute umana è una conseguenza automatica di ciò, che è spiegato da un esempio dal Congo (vedi articolo «  Un esperimento Congolese  » (in inglese)).

La filosofia dietro la versione EAUTARCIE di ECOSAN

Una visione antropocentrica

Gli utenti di ECOSAN generico non percepiscono i suoi principi antropocentrici, in cui gli esseri umani sono visti come il centro dell'universo e di tutti gli interessi. L’igienizzazione è principalmente al servizio del comfort mentale e intellettuale dell'uomo, soprattutto nella « protezione della salute umana » per tutti e di ciascuno. Gli ecosistemi sani che sostengono la vita (per l'uomo e di tutti gli altri esseri viventi) vengono dopo... ben dopo.

Questo è un fatto tangibile, non una teoria intellettuale. L’agricoltura chimica, con i suoi fertilizzanti sintetici, pesticidi e il suo disprezzo per la vita del suolo è una delle manifestazioni più significative di questa filosofia. Ci sono molti altri esempi ben noti ... Non è un segreto che l'uomo ha già distrutto gran parte della biosfera, ma sta anche facendo lo stesso con migliaia di specie animali. Il concetto ufficiale di « biodiversità » è ingannevole, e non mostra risultati tangibili. Ciò che è più preoccupante è l'importanza preponderante data all'economia, o più precisamente ai soldi, quindi ad approcci economici come «  l'economia blu  ». Il successo di questa non è un caso: l'ambiente può essere in parte risparmiato e la coscienza rimanere pulita, fintanto che la redditività economica viene per prima.

La comodità offerta dai comuni water o dai gabinetti a secco selettivi, la fognatura centralizzata e la fornitura di acqua potabile centralizzata è tenuta a rispettare interessi, tradizioni, credenze e « accettazione sociale » dell'uomo (si veda il testo precedente su Susana).

La visone biocentrica – Gaia

Nell'approccio SAINECO di EAUTARCIE, l'uomo è semplicemente parte della biosfera, sullo stesso piano, come tutti gli esseri viventi sul nostro pianeta. Il gorilla, l’ippopotamo, il coccodrillo, il panda, l’elefante, la tigre, le balene, le api e tutti gli altri esseri viventi (anche i cosiddetti parassiti) hanno diritto a uno spazio vivente che risponda alle loro esigenze e garantisca il loro benessere. Alcuni chiamano questa visione «  Ipotesi Gaia  » o l’« ipotesi biogeochimica ». Personalmente, vorrei semplicemente chiamarla «  biocentrica  » perché la vita (bios: in rappresentanza di tutti gli esseri viventi) è la sua preoccupazione centrale.

Da quel punto, si può arrivare a capire che le finalità di SAINECO di EAUTARCIE sono volte a salvaguardare la salute della biosfera, non solo la salute umana. Una biosfera sana è il fondamento necessario per la salute umana. Per riparare i danni causati da un approccio antropocentrico, dobbiamo abbandonare il sistema « tutto-nella-fogna » (un fiore all'occhiello di questo approccio). Nel frattempo, dobbiamo ripristinare il collegamento tra il trattamento delle acque reflue e la produzione alimentare mondiale. Per l'umanità e il pianeta, non c'è miglior percorso per un mondo vitale e sostenibile.

Conclusione

Il punto di forza di EAUTARCIE è l'integrazione delle relazioni reciprocamente dipendenti che coinvolgono la gestione delle acque, la biomassa vegetale e animale e le loro influenze sui cambiamenti climatici. Una volta che si riconoscono queste interdipendenze, diventa immediatamente possibile proporre un programma globale per tirare fuori l'umanità dai suoi problemi alimentari e dalla carenza di acqua attraverso il recupero degli ecosistemi danneggiati. Tale programma, molto meno costoso delle proposte attuali che interessano solo i problemi di acqua potabile a livello mondiale, avrebbe un impatto che potrebbe rallentare o addirittura arrestare il cambiamento climatico, se fatto in concomitanza a un programma di riduzione globale del consumo di energia.

Per continuare a leggere, vai a Punti deboli dell’ingegneria sanitaria

TORNA SU

Home - Introduzione - Igienizzazione ecologica - La raccolta dell'acqua piovana - Gestione delle acque grigie - Gabinetti a secco - Il EAUTARCIE in città e in tutto il mondo - Gestione congiunta di acqua e biomassa - Riflessioni sulla politica delle acque - Mappa del sito – Glossario – Documentazione