DeutschEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoEnglishEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoEspañolEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoFrançaisEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoItalianoEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoMagyarEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il MondoNederlandsEautarcie, Gestione sostenibile delle acque per il Mondo
Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh Informazioni sul sito web basate sulle opere di Joseph Országh
Eautarcie EAUTARCIE Eautarcie- Joseph Országh
HomepageIntroduzioneIgienizzazione ecologicaLa raccolta dell'acqua piovanaGestione delle acque grigieGabinetti a seccoIl EAUTARCIE in città e in tutto il mondoGestione congiunta di acqua e biomassaRiflessioni sulla politica delle acqueMappa del sito – Glossario – FAQ – Documentazione EAUTARCIE, Gestione sostenibile delle acque per il Mondo
Igienizzazione ecologica
Igienizzazione ecologica e EAUTARCIE

Punti deboli dell’ingegneria sanitaria

Sei principi di igienizzazione ecologica

Elementi di igienizzazione ecologica


Cerca una parola all'interno del sito eautarcie.org 
Loading

Questo documento fornisce una nuova prospettiva sulla questione del trattamento delle acque reflue, la gestione delle acque e il cambiamento climatico.

Il testo contenuto in questa pagina è stato pubblicato per la prima volta in francese su www.eautarcie.com: aprile 2008

Il testo originale è stato poi adattato e pubblicato in inglese in questa pagina su www.eautarcie.org : 2017-03-10

Aggiornamento: 2017-03-10

Punti deboli dell’ingegneria sanitaria

Il trattamento delle acque reflue per proteggere l'ambiente: Vero o Falso?

Questo titolo può sorprendere molti. Siamo tutti abituati ad accettare la teoria dominante senza obiettare, una teoria per la quale lo scarico efficiente di acque reflue purificate in un ambiente idrico ricevente non può che essere benefico per l'ambiente.

Prendiamo un fiume che è stato gravemente inquinato dallo scarico delle acque reflue di una città. Il posizionamento di un impianto di depurazione che scarica l'acqua pulita in un corso d'acqua sembra la soluzione più appropriata. Il fiume è quindi « salvato » e tutto è bene quel che finisce bene (inquinato, e quindi « de-inquinato »).

Ovviamente, tutto questo dipende dall'obiettivo iniziale. Se lo scopo è di avere un fiume (un po') più pulito, senza prendere in considerazione altri tipi di impatto, l'approccio convenzionale sembra OK. Il problema è che la Natura e l'Ambiente formano un insieme che va ben al di là di un semplice ecosistema acquatico. Così grande è l'impatto ambientale delle attività umane oggi che le sue conseguenze non devono essere confuse come limitate al singolo aspetto della qualità delle acque di un fiume.

Con i suoi obiettivi limitati, la depurazione convenzionale trascura tutta una serie di aspetti, a monte e a valle dell’effettivo trattamento. Con la gestione sostenibile delle acque in mente, una visione olistica diventa auto-evidente se vogliamo realizzare un'analisi più completa delle tecniche di risanamento. Dobbiamo quindi fare il possibile per ridurre al minimo gli impatti ambientali delle attività legate all'acqua domestica [1]. In questa nuova visione, si può facilmente dimostrare che l'attuale trattamento delle acque reflue urbane non svolge più la sua parte come pratica sostenibile.

[1]
Ciò è espresso dall'articolo 1 della direttiva 91/271 CEE della Comunità Europea: L'attuale direttiva mira a proteggere l'ambiente, ed essa non è stata recepita nella legislazione della maggior parte degli stati membri dell'Unione Europea.

L’Ingegneria Sanitaria corrente in un cul-de-sac?

Perché la scienza di ingegneria sanitaria è entrata in una sorta di cul-de-sac? La risposta alla situazione attuale si trova in una combinazione di fattori storici-sociali, psicologici e soprattutto finanziari - giunti con la crescita delle città moderne.

Come scienza, la tecnica sanitaria derivava dalle preoccupazioni in materia di sicurezza pubblica, prima dell'avvento della gestione delle acque reflue urbane. La realizzazione di reti di convogliamento delle acque reflue è stato il primo passo su questa strada. Nelle grandi città, questo passo ha quasi sempre preceduto l'insorgenza dei water a sciacquone. Ciò significa che le prime « fogne » principalmente raccoglievano acque grigie (acqua e sapone), e senza acque nere (che contengono deiezioni umane). Per gli ingegneri di quei giorni, le considerazioni erano centrate sull’ evacuazione delle acque reflue dalle abitazioni, senza necessariamente scaricarele in un corso d'acqua dove avrebbero potuto causare problemi. Essi pertanto costruirono fogne non-impermeabili, il cui ruolo principale non era trasmettere l’acqua reflua ai fiumi, ma disperderla nel terreno. Questo approccio ecologico e pragmatico è anche meno costoso della messa in opera di fogne impermeabili.

Nella prima metà del 20 ° secolo, l'acqua nera non è stata generata, o molta poca. La maggior parte della popolazione utilizzava latrine situate nell'angolo più lontano del giardino. In quell’epoca nasce la parola « latrina », detta anche « Backhouse ». Il contenuto di queste latrine nocive è stato regolarmente rimosso dai contadini per utilizzarlo come fertilizzante agricolo [2].

[2]
In una certa misura, la pratica di diffondere letame umano su terreni agricoli è ancora in corso, utilizzando fanghi recuperati da fosse settiche in condizioni regolamentate, dagli agricoltori autorizzati.

La situazione è del tutto cambiata con l'avvento e l'uso generalizzato dei WC. Questo ha radicalmente modificato la composizione delle acque reflue raccolte e convogliate nelle fogne. L'acqua nera risultante ha generato azoto organico e fosforo. Attualmente, il 98% dell'azoto che si trova nelle acque reflue urbane viene dai nostri water. Si consideri che l'azoto è un fattore chiave di inquinamento, e allo stesso tempo un elemento fondamentale per il funzionamento della biosfera. La prassi attuale si propone di purificare le acque reflue urbane nel modo più efficiente possibile.


Questo cambiamento ha avuto tre conseguenze:

• La distruzione di azoto contenente sostanza organica (nostre deiezioni) e la sua rimozione irreparabile dal ciclo dell'azoto della biosfera, per scopi di purificazione di acque reflue. Questo ha portato ad una perturbazione dei grandi cicli della natura: azoto, carbonio, fosforo e acqua.
• Il rilascio di azoto organico e fosforo, in forma di nitrati e fosfati, che appaiono in natura come inquinamento [3].
• L'interruzione del regime di umidità del suolo in quelle aree servite da fogne centralizzate o reti fognarie.

[3]
Quando vengono rilasciati nei corsi d'acqua, l'azione combinata di azoto e fosforo è la causa dell’eutrofizzazione. Nelle acque reflue urbane, l'azoto proviene da due fonti: quasi esclusivamente come fosforo « metabolico » dai nostri gabinetti, e in misura molto minore dai fosfati contenuti nei detersivi per bucato. Con la rimozione dei fosfati dalla lavanderia non si ferma l'eutrofizzazione, che rimarrà un problema fino a quando continueremo a scaricare le nostre deiezioni in acqua. In base al secondo principio della ECOSAN di EAUTARCIE, le suddette acque reflue non devono mai essere sottoposte a un trattamento di igienizzazione, né essere ripartite su terreni agricoli o infiltrate nel terreno

Inizialmente, queste conseguenze sono state completamente trascurate da scienziati e ingegneri sanitari. I primi problemi sono apparsi con l'aumento dell’inquinamento nei nostri fiumi. Con l'avvento dei WC e l'espansione dell'urbanizzazione, il volume di acque reflue scaricate nei fiumi è aumentato, con le conseguenze che ora sappiamo.

In tempi precedenti, gli scienziati sono stati meno attenti alle interazioni nella biosfera. Una soluzione immediata a breve termine come la depurazione delle acque reflue è apparsa del tutto ragionevole. Non hanno infatti tenuto conto che questa tecnica era solo un trattamento sintomatico, e che la soluzione a lungo termine consisterebbe nell'andare alla radice del problema. In ingegneria sanitaria convenzionale, l'approccio alla depurazione delle acque reflue ha portato a paradigmi di base che, nel corso degli anni, sono diventati veri e propri dogmi. Questi paradigmi viziati sono:

Eliminare l’inquinamento « ad ogi costo  » è diventata la principale priorità.

Impatti ambientali dell’approccio convenzionale

E’quando si esamina l'impatto ambientale che si dispiegano gli svantaggi delle strutture igienico-sanitarie convenzionali. Nella nostra analisi, abbiamo scelto tre errori fondamentali nell’approccio convenzionale (e generalmente accettato).

Il Primo Errore: insistere sull’efficienza della purificazione

Il 1° errore è quello di considerare le tecniche che enfatizzano l'efficienza di purificazione mentre praticamente trascurano tutti gli altri aspetti. Con un tale reato, ci sembra di aver dimenticato che la depurazione delle acque reflue è supposta per aiutare a proteggere l'ambiente. Per fare questo, è necessario anche prendere in considerazione una serie di aspetti che rientrano in quello che io chiamo prestazioni ambientali. I criteri per questi includono:

• Il consumo di energia richiesto per alimentare, operare e mantenere gli impianti di depurazione, le reti fognarie e per produrre eventuali reagenti necessari per il processo di trattamento;
• Il rumore e l'odore dei macchinari e camion per il trasporto, necessari per la rimozione dei fanghi di depurazione;
• Gli impatti ambientali causati dallo smaltimento dei fanghi di depurazione;
• La quantità di azoto scaricata nell’ambiente dalle acque reflue trattate e dai fanghi di (espressa in kg di azoto / anno /AE);
• La quantità di tensioattivi (detergenti) scaricata in un bacino idrico ricevente (espressa in grammi /anno /AE);
• La quantità di residui di medicinale e droghe (previsti nelle acque reflue trattate) scaricata in un bacino idrico ricevente (espressa in grammi /anno /AE);
• L'interruzione causata dal sistema di servizi igienico-sanitari al regime di umidità del suolo di un territorio e dei corpi idrici recettori;
• Il valore biologico (sotto forma di potenziale humus) della sostanza organica azotata contenuta nelle acque nere, che sarebbe altrimenti distrutta e mineralizzata tramite il « trattamento ».

Alcuni di questi criteri sono inclusi in studi dull’impatto ambientale. Tuttavia, l'ultimo, che rappresenta il valore biologico dei nostri escrementi, è di gran lunga il più importante, ma è sempre ignorato. Anche se si dovesse ipotizzare l'idea più improbabile che un sistema di purificazione di acque reflue non inquina l'ambiente in alcun modo, il fatto che la biomassa fecale è trattenuta dal processo di formazione del suolo (per l’humus) qualifica i servizi igienico-sanitari convenzionali come pratica ambientale non sostenibile. Non dobbiamo perdere di vista il fatto che la biomassa fecale è solo uno degli aspetti della gestione delle biomasse in tutto il mondo, che è assolutamente vitale per la sopravvivenza umana su questo pianeta. Quando le feci umane (e animali) sono trattenute dal ciclo, una quantità enorme di biomasse di cellulosa a base vegetale non può più partecipare al processo di formazione del suolo. È solo combinando correttamente la gestione di questi due tipi di biomassa, una ricca d’azoto, e l'altra ricca di carbonio, che una duratura produzione alimentare può essere continuata nel periodo post-petrolio senza compromettere l'equilibrio dei grandi cicli naturali della biosfera.

Questo ragionamento ci porta a definire il secondo errore dell’approccio convenzionale.

Il Secondo Errore: ignorare i grandi cicli della Natura

Ci ostiniamo a trascurare l'impatto dei servizi igienico-sanitari convenzionali sui grandi cicli della natura: acqua, carbonio, azoto e fosforo.

Va ricordato che la raccolta delle acque reflue urbane influenza anche il ciclo dell'acqua. L'acqua utilizzata dagli abitanti di una città viene prelevata dal flusso del ciclo dell'acqua, per essere poi reimmessa nel ciclo dell'acqua. Considerando il consumo odierno di acqua per uso domestico, la quantità d'acqua coinvolta può essere notevole. Per le grandi città, l'assorbimento di acqua interrompe il regime di umidità del suolo di una regione di vari gradi. Prendendo l'acqua dalle riserve idriche di una regione e inviandola di nuovo a un fiume attraverso le fogne si crea una sorta di corto-circuito nel ciclo dell'acqua.

Le acque nere rilasciano da 80 a 100 kg di materia organica a persona ogni anno. Questa materia contiene circa 5 kg di azoto (N) e circa 1 kg di fosforo organico (metabolico) (P). La depurazione convenzionale comporta in effetti la bio-ossidazione di materia organica. La sua componente idrocarburica viene trasformata in acqua e anidride carbonica, mentre la sua parte di azoto organico e fosforo viene trasformata in nitrati e fosfati [4].

[4]
La fase di trattamento « Terziario » del processo di depurazione delle acque reflue opera solo su una piccola porzione del fosforo e dell’azoto provenienti dalla fase di trattamento « secondario » (bio-ossidazione). La maggior parte di questi elementi finiranno nei fanghi di depurazione di un impianto di depurazione. Quando quest'ultimo si distribuisce su terreni agricoli per il riutilizzo come fertilizzante in agricoltura, si può comprendere che la maggior parte di detti elementi troveranno la loro strada nella falda freatica. L'assorbimento di questi elementi da parte delle piante dipende altamente dal momento in cui i fanghi vengono sparsi.

I tecnici si sforzano di rimuovere il fosforo che rimane dopo il trattamento delle acque reflue. Presentano questo come « un passo significativo » nell'arte di depurazione delle acque reflue. Il fosforo estratto come struvite (fosfato di ammonio di Magnesia) è solo una piccola parte di ciò che entra in un impianto di trattamento delle acque reflue. La struvite agisce come fertilizzante. Aumentando la forza ionica dell'acqua nel terreno, accelera la naturale « combustione » dell’humus del terreno. I tecnici insistono sul fatto che che le « riserve di fosforo in tutto il mondo (da miniere) si esauriranno in un secolo o due, e noi non saremo più in grado di alimentare l'umanità, per cui è importante recuperare il fosforo dalle acque di scarico ». Ci si chiede come, nel corso di milioni di anni, la biosfera abbia prosperato senza fosforo da miniere!? La risposta è semplice: tutta la biomassa animale e vegetale è stata restituita al terreno. Oggi, questo processo è seriamente interrotto dai servizi igienico-sanitari convenzionali.

L’inquinamento da nitrati e fosfati è in realtà solo un inconveniente minore della depurazione delle acque di scarico, se confrontato con la massiccia distruzione di sostanza organica. Concepire l'acqua nera come uno scarto da eliminare è errato. In realtà, la materia organica costituita dai nostri residui di cucina e dalle deiezioni umane ed animali rappresenta una preziosa risorsa che è parte integrante dei grandi cicli della natura. Il valore biologico di materia organica che distruggiamo a titolo di depurazione delle acque reflue è di gran lunga superiore ai vantaggi ottenuti da tale trattamento. Su questo tema, ho formulato una legge fondamentale nel 1990, come segue:

« Tutta la materia organica che viene distrutta per fini di depurazione delle acque reflue o per la produzione di energia è un fattore che contribuisce all'inquinamento delle acque e alla distruzione della biosfera. Diminuisce la capacità produttiva dei nostri ecosistemi ».

Considerando lo stato di deterioramento attuale della biosfera, non possiamo continuare ad indulgere nella distruzione della nostra biomassa fecale per via delle acque reflue di depurazione [5]. Tale distruzione aggrava anche i problemi di acqua in tutto il mondo.

[5]
La distruzione di massa di materia organica vegetale ai fini della « produzione di energia » è l'altro grave errore. Esistono prospettive biologiche per la valorizzazione energetica della biomassa vegetale, che potrebbero fornire una quantità di calore a bassa temperatura (per riscaldamento) che è quasi equivalente a combustione diretta di detta biomassa.

A questo proposito, i sostenitori dell’igienizzazione convenzionale sostengono le seguenti affermazioni infondate, che rivelano una realtà del tutto diversa se osservate attentamente:

1. « La quantità di acqua che transita attraverso le case è trascurabile rispetto ai flussi d'acqua in natura. L’interruzione del regime di umidità del suolo è quindi minimo ».
Al contrario, l'interruzione è sostanziale su scala regionale, marcatamente nelle grandi città e nelle aree di alloggiamento ad alta densità. Gli urbanisti stanno iniziando a riconoscere questo fatto e ora raccomandano di ridurre l'entità della pavimentazione impermeabile. Anche i bacini delle acque piovane vengono posizionati vicino alle autostrade per ridurre gli effetti del deflusso. L'assorbimento d'acqua dagli abitanti di una città è equivalente allo scarico di un fiume. La soluzione deve coinvolgere il controllo parziale del deflusso, come parte di un approccio ECOSAN, a cui abbinare la raccolta dell'acqua piovana per tutta la casa. La somma delle capacità delle cisterne di una città (quando correttamente dimensionate) è equivalente a un bacino per acque piovane di dimensione colossale.

2. « La materia organica contenuta nelle deiezioni umane è una quantità trascurabile nel bilancio ambientale della biosfera »..
Ancora una volta, questo è falso, la biomassa umana è superiore a quella della maggior parte delle specie animali sulla Terra. L'azoto contenuto nelle deiezioni umane (come preziosi composti organici) equivale a oltre il 40% dell'azoto utilizzato in agricoltura nel mondo. Con l'aumento della popolazione mondiale, questo rapporto aumenterà ulteriormente. È pertanto irragionevole distruggere la materia organica a nome della depurazione delle acque reflue.

3. « Il trattamento terziario impedisce l'inquinamento da nitrati e fosfati ».
In realtà, il trattamento terziario, che è chiamato ad eliminare l'azoto (e il fosforo), opera in realtà solo sul 10% dell'azoto che entra in un impianto di depurazione. Dell'azoto derivante dalla fase di trattamento secondario di un impianto, il 90% si trova nei fanghi di depurazione. L'attenzione deve quindi mirare a valutare l'esatto equilibrio dell’azoto coinvolto nel trattamento delle acque reflue.

Il Terzo Errore: negare gli impatti delle tecniche di scarico

Ci ostiniamo a trascurare il fatto che le tecniche di igienizzazione che scaricano delle acque reflue nell'ambiente ricevente hanno un maggiore impatto ambientale rispetto alle tecniche stesse..

Un esempio di questo errore è lo scarico continuo di acque reflue nelle acque di superficie, invece di infiltrarle nel suolo o condurle in zone umide chiuse o a basso flusso. In definitiva, le conseguenze sono:

1. Continuo deterioramento della qualità dell’acqua dei fiumi (nonostante il trattamento delle acque reflue);
2. Esagerato aumento nei costi per l’igiene;
3. Il mancato rispetto e considerazione di tecniche di igienizzazione semplici, economiche ed efficienti [6].

[6]
Ciò è particolarmente vero per pozzi di assorbimento che sono ingiustamente vietati, anche quando vengono presi in considerazione solo per l'infiltrazione delle acque grigie. Con la crescente consapevolezza del pubblico, sempre più persone si rivolgono ai servizi igienici a secco. La richiesta di installare un pozzo di assorbimento per ricevere acque grigie che sono state pre-trattate in un bio-reattore viene sistematicamente negata, anche quando la quasi assenza di azoto nelle acque grigie così trattate garantisce un impatto nullo sulle acque sotterranee.

Gli ecosistemi acquatici sono estremamente sensibili al minimo l'inquinamento. Non dobbiamo trascurare la notevole capacità depurativa del suolo, in particolare nella rizosfera. Questo dà luogo al terzo principio dell’igienizzazione ecologica.

Un ulteriore errore - derivante dal precedente - sta nel fatto che l'approccio convenzionale aumenta l’impatto ambientale del trattamento delle acque reflue rispetto all'impatto dello scarico di acqua non trattata in un fiume. Questo approccio errato pone ingiustamente i servizi di igienizzazione convenzionali in una luce migliore. La situazione è molto diversa quando non contempla di non scaricare alcuna acqua reflua nei fiumi fiume, in linea con i sei principi di igienizzazione ambientale.

Altri inconvenienti inerenti ai sistemi dei depurazione convenzionali

I sistemi di trattamento convenzionali presentano altri gravi inconveneienti:

1. Il periodo di tempo limitato (poche ore) che le acque reflue passano negli impianti di depurazione è insufficiente per decomporre le molecole derivanti da detergenti e residui di medicinali che si trovano negli escrementi umani. Quando scaricati in un fiume, questi composti organici rappresentano una seria minaccia per la vita acquatica, anche in concentrazioni deboli [7]. Le condizioni delle acque diventano sempre più problematiche in caso di trattamento per ottenere acqua potabile.

2. Durante gli eventi di pioggia, una massa considerevole di flussi di acqua finisce negli impianti igienico-sanitari. Il carico inquinante presente nell'impianto di trattamento e nelle fognature viene poi lavato via direttamente nel corpo idrico ricevente. Il raddoppio della rete fognaria (fogne sanitarie e fogne per acque meteoriche separate) è una soluzione che comporta costi aggiuntivi. Come si vedrà nel capitolo su SAINECO in un contesto urbano, il raddoppio della rete fognaria con altri mezzi, per fini di igienizzazione ecologica, sarà molto più efficiente per l'ambiente.

3. Il trattamento convenzionale non elimina la carica batterica che è presente nell'acqua nera. Prima di scaricare acque nere in un corpo idrico adatto per la balneazione, queste acque devono essere disinfettate (trattamento di igienizzazione di quarto stadio). Quando si ha familiarità con la medicina bioelettronica, si capisce che la disinfezione modifica profondamente le proprietà elettrochimiche e biologiche di un corpo idrico ricevente. Uccidendo i batteri, stiamo creando uno squilibrio biologico, ma stiamo soprattutto creando un rischio per la salute degno di nota per i bagnanti.

[7]
Quando infiltrati nel terreno, i residui di acque reflue trattate, provenienti da detergenti e altre fonti non hanno alcun impatto ambientale. Nel risanamento ecologico, i residui di medicinali sono inesistenti nelle acque reflue, dal momento che sono trattati come una materia solida con le deiezioni umane. Durante il compostaggio, questi residui sono completamente decomposti e non rappresentano più un problema ambientale. Analogamente accade per l'azoto e il fosforo.

Che dire della Fitodepurazione?

La depurazione delle acque reflue utilizzando le piante (anche comunemente chiamata fitodepurazione) ha un'impronta ecologica che è impattante quasi quanto l’igienizzazione convenzionale: tali sistemi « alternativi » obbediscono agli stessi principi sbagliati. Anche loro distruggono la materia organica delle acque nere, e la loro efficienza di purificazione è paragonabile. Quando un sistema di depurazione comporta il compostaggio delle piante (nel caso il compostaggio si verifichi), un ciclo solare in più si perde nel recupero della materia organica, con un maggiore spreco di quello che potrebbe altrimenti essere recuperato dal compostaggio diretto degli effluenti degli « eco-WC » [8]. Più precisamente, il componente di materia organica « animale » viene rimosso dal ciclo. D'altra parte, se non viene prodotta acqua nera, i sistemi di purificazione che utilizzano piante divengono inutili e addirittura dannosi. Nelle regioni secche o aride, l’evaporazione operata dalle piante di acqua contenuta nelle acque reflue rappresenta uno spreco inammissibile. La totalità delle acque grigie reflue deve essere o infiltrata nel terreno (per ricostituire la falda) o utilizzata per l'irrigazione delle colture. Fare questo, senza rischi per la salute e l'inquinamento, è possibile solo in assenza di acqua nera. Quando le acque nere sono mescolate con le acque grigie, la tragedia è assoluta: spreco di acqua e biomassa, la loro perdita irreparabile per l'agricoltura, e l'inquinamento dei nostri corsi d'acqua.

[8]
Il termine « eco-WC » qui significa Gabinetto per compostaggio a secco (GCS). I gabinettia a secco selettivi di tipo Scandinavo (che separano l'urina dalle feci) sono altrettanto inquinanti e distruttivi per la biosfera come cospargere liquame suino sui terreni agricoli.

L’ingegneria sanitaria sotto la pressione di interessi contrastanti

Conoscendo le inadeguatezze del trattamento convenzionale delle acque reflue, ci si può legittimamente chiedere perché ci ostiniamo a mantenere questo approccio a tutti i costi e allo stesso tempo penalizziamo le tecniche di prevenzione dell’inquinamento che vanno alla radice del problema. E’innegabile che i ricercatori indipendenti avrebbero messo a punto tecniche di gestione alternativa dell'acqua molto tempo fa. Il problema sta negli interessi che mirano a mantenere le tecniche che generano maggiori profitti.

Ampi settori industriali e finanziari si sono sviluppati intorno ai postulati igienico-sanitari convenzionali. Con crescenti problemi di inquinamento, l'inevitabile « disinquinamento » dei nostri fiumi ora ha mobilitato notevoli mezzi umani e finanziari. Così, le tecniche di prevenzione dell'inquinamento, sono state disattese a nome della raccolta e depurazione delle acque reflue - una tecnica di recupero. Eppure, in generale, la prevenzione costa molto meno rispetto alle misure correttive, ma genera anche meno profitto.

Per ragioni di mercato, la raccolta e il trattamento delle acque reflue sono stati estesi al di fuori dei centri urbani anche nelle zone rurali, dove queste tecniche sono ingiustificate, sia dal punto di vista economico che ambientale.

Trattamento centralizzato delle acque reflue: decisioni non democratiche

In materia di igiene, i processi decisionali sono stati sviati dal percorso democratico. In realtà, i fornitori di impianti igienico-sanitari sono intimamente legati ai processi decisionali che dovrebbero normalmente avvenire sotto la responsabilità di funzionari eletti. Lavori pubblici e contratti di fornitura dei materiali sono di solito sottoposti a leggi che regolano le interferenze da parte dei fornitori. Tuttavia, queste leggi non vengono né applicate nè rispettate quando si tratta di aggiudicazione degli appalti per la realizzazione di reti fognarie e impianti igienico-sanitari. Gli esperti che sono direttamente o indirettamente collegati a tali società fanno parte dei comitati che determinano le politiche sull’igiene. A volte, per salvare le apparenze, esperti universitari vengono delegati da questi comitati in quanto non hanno legami con il mondo delle imprese: in pratica, questo non fa alcuna differenza. Di tanto in tanto, costeggiamo il problema con la creazione di società « pubbliche » per l’acqua, in cui tutte le opzioni tecniche incarnano quelle sostenute dai fornitori del servizio. Si può anche speculare sul coinvolgimento di funzionari eletti e le loro preoccupazioni commerciali con le industrie igienico-sanitarie e di approvvigionamento idrico.

Nel campo dell’ingegneria sanitaria, la ricerca scientifica è finanziariamente dipendente dalle grandi imprese. I laboratori di ricerca universitari non possono più fare a meno di tali finanziamenti. Ecco perché la ricerca è inevitabilmente in linea con la direzione imposta dai finanziatori.

Siamo in grado di percepire gli interessi che vanno contro al buon senso e sostengono la continuazione delle opzioni di igienizzazione convenzionale:

1. Le priorità vanno agli impianti collettivi centralizzati;

2. Le tecniche alternative decentralizzate e le tecniche di prevenzione dell’inquinamento vengono sistematicamente ignorate.

Anche il mondo degli ambientalisti ha giocato nelle mani di quegli interessi costituiti. Dalla mancanza di una prospettiva olistica, hanno adottato il punto di vista delle multinazionali, quando in linea di principio, di solito sono contrari alle lobby del settore. Essi sono tra i primi a chiedere la realizzazione di fogne e trattamento centralizzato.

Intelligentemente, per distogliere l'attenzione dai veri problemi tecnici, la fitodepurazione è stata presentata come l'unica alternativa possibile ai servizi igienico-sanitari convenzionali. Nessuno ha notato che questo tipo di trattamento delle acque reflue obbedisce alle stesse preoccupazioni del trattamento delle acque reflue convenzionale: purificano come meglio può essere fatto, senza preoccuparsi delle conseguenze.

E’interessante notare la presa di posizione degli « alterglobalisti » o no-global, sulle politiche idriche. Queste persone ben intenzionate non si rendono conto che le discussioni in materia di…

1. Accesso universale all’acqua;

2. Rifiuto di considerare l’acqua come merce;

3. Un « Trattato per le acque » globale;

…sono inefficaci per risolvere i problemi di acqua in tutto il mondo. In realtà, queste discussioni non si concentrano sul problema di fondo: cioè che i problemi di acqua in tutto il mondo derivano proprio da quelle tecniche consigliate e addirittura imposte dagli ingegneri sanitari. E’significativo sottolineare che nelle conferenze internazionali sulle politiche idriche, tutto è discusso tranne l'essenziale. Nessuno, fino ad ora, ha denunciato le conseguenze costose e dannose per l'ambiente dell’imposizione del trattamento delle acque reflue e della distribuzione di acqua centralizzati, in tutto il mondo.

La soluzione: Nuova Ingegneria Sanitaria

Qual’è la soluzione per una migliore gestione delle acque in generale e, più nello specifico, delle acque reflue?

Quando si riconoscono i grandi principi dell’igienizzazione ecologica, si arriva a scoprire una possibilità incredibile: con mezzi finanziari e investimento umano ridicoli, l'umanità potrebbe assolutamente risolvere i suoi problemi di acqua entro 2 generazioni (50 anni). Il presupposto è quello di abbandonare le tecniche attualmente in vigore e sostituirle con altre più semplici, meno costose, più affidabili ed efficienti. La maggior parte di queste tecniche « alternative » sono attualmente fuorilegge, o nella migliore delle ipotesi, emarginate.

In mancanza di un termine migliore adatto, la versione EAUTARCIE di ECOSAN (in contrasto con la versione generica di « ECOSAN » considerata da altri) è diventato il baluardo dietro il quale si possono definire le linee guida di base per la gestione delle acque veramente sostenibile, in tutto il mondo.

Queste linee guida sono esposte nel prossimo capitolo che riguarda i principi base dell’igienizzazione ecologica, o nuovi paradigmi dell’ingegneria sanitaria.

Per continuare la lettura, procedere con I Sei Principi dell’ Igienizzazione Ecologica.

TORNA SU

Home - Introduzione - Igienizzazione ecologica - La raccolta dell'acqua piovana - Gestione delle acque grigie - Gabinetti a secco - Il EAUTARCIE in città e in tutto il mondo - Gestione congiunta di acqua e biomassa - Riflessioni sulla politica delle acque - Mappa del sito – Glossario – Documentazione